Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Turchia’

“Nessun uomo è un’isola, intero per se stesso” (John Donne, da Devotions Upon Emergent Occasions, 1624)

Le ultime notizie da Kalymnos ci raccontano di una bambina spagnola di appena 10 anni che avrebbe chiuso un 8a. Buon per lei e complimenti.

Ma quel che dalle nostre succinte e ottuse cronache non esce fuori è che Kalymnos non è soltanto il grande circo dell’arrampicata, come chiunque vi si sia recato privo di paraocchi ha ben potuto riscontrare. Kalymnos vive, anche se di riflesso, le stesse identiche problematiche della Grecia continentale; non mancano dunque bizzarri eccessi d’orgoglio patriottico-nazionalistico, come questa enorme bandiera bianca e azzurra dipinta di recente sulla collina sopra Pothia, in onore di alcuni isolani defunti per un’esplosione avvenuta 38 anni fa proprio nel periodo pasquale (è nota a molti la festaiola e bombarola tradizione locale) – con tutto il rispetto, non esattamente degli eroi o dei rivoluzionari, ecco, se ho ben capito.

Non per niente il presidente Tsipras a gennaio si era recato sull’isola in maniera simbolica nell’ambito delle tensioni geopolitiche esistenti con la Turchia.
Costo dell’ospitalità: 9000 euro, tutto incluso.

Ma a Kalymnos, da cui già moltissimi sono dovuti fuggire, l’orgoglio è forse una delle ultime risorse rimaste e permane un’indigenza neppure troppo nascosta. Da qui il dono pasquale, sotto forma di agnelli, proveniente dall’emigrato in Australia.

Per non parlare di altri effetti della crisi: dopo essere stata una delle isole dei falsi ciechi, quest’estate Kalymnos si è mostrata al mondo come l’isola senza ambulanze.

E poi…e poi ci siamo noi; che non ci siamo più.
Qualcosa nel circuito di produzione e consumo deve non aver funzionato.
Perchè nonostante il battage pubblicitario sui media di settore e non soltanto, ed il recente interesse di Alpitour (“Sono entrate in programmazione Leros e Kalymnos”), Ryanair ci ha chiuso ormai da tempo i portelloni in faccia, e Volotea vola su Kos soltanto da Venezia e Bari, e solo ad agosto.
Conservo un ricordo di Kalydna col piumino al sole d’ottobre che porta con sè un calore tipico proprio di quel posto.
Li abbiam lasciati dunque con le performance altrui, aggrappati al loro misero nazionalismo e ad una diffusa povertà. E’ la legge del mercato, baby: se non rendi, non vendi. Povero (si fa per dire) climber, ohibò, cosa pretendi? Fatti il doppio scalo con visita turistica ad Atene, come un tempo, senza mugugnare, e goditi la fatica che richiedono tipicamente tutte le cose belle, più che da raggiungere, da conquistare. Quel loro nostro mare che oggi è diventato un po’ di tutti, vista la quantità di sangue che vi si è mescolato, attende solo più che vi si rechino gl’impavidi italioti fascioleghisti, memori della dominazione, buoni sostanzialmente al grugno populista, all’ubriachezza molesta ed alla congestione alpino-padana-egea, a fare delle ferie un’occasione per render “prima gli italiani” anche all’Inferno. Quanto a noialtri, che non vogliam sentirci fieri o diventare vittime delle bandiere – siano esse greca, italiana od europea -, cocciuti approderemo a Pothia armati di scarpette anche d’inverno.

Read Full Post »

Fuerteventura_Canarie_2006Benvenuti sul lato oscuro di Kalymnos.

“Kalinikta! This may mean hello, or good night… I’m not quite sure” (Dave Graham)

All’inizio del mese Aris ci ha informati entusiasta che sull’isola sono iniziate le pulizie di primavera. Fra le trasformazioni in corso, pare persino siano stati ancora avvistati operai al lavoro al già abbastanza disturbante Elena Village, ma non è dato sapere cosa intendan costruire; si sussurra – non è confermato – d’un prolungamento straordinario della piscina, sovrastata altresì da funambolica slackline, che permetterebbe così ai festivalieri di spostarsi comodamente a nuoto, o con eccitante ondeggiamento aereo, da una parte all’altra del party sponsorizzato. Cool! Penserete che scherzi, per eccesso di visione dark; io spero piuttosto che stia scherzando lui con quell’accenno semiserio al “water park”
Comunque sia, correttamente nell’articolo viene inquadrato il frivolo assieme al supermercato, in modo da evidenziare quanto importante sia il business-arrampicata per l’economia locale, investita dal recente dramma delle migliaia di abitanti costretti ad emigrare.
A non esser riportata è invece un’altra novità: una cronaca non proprio nera, ma che resta nell’ombra, detta e (più spesso) non detta, che a fatica trapela e passa veloce come la sera.

22 febbraio 2014
“Più di 65 immigrati clandestini sono sbarcati sulla costa nord-orientale di Kalymnos in questi ultimi giorni (…).
Dopo la tragedia di Farmakonisi del 20 gennaio, dove sono morte 12 persone, gli schiavisti stanno cercando altri siti per far sbarcare clandestini. (…)
Nella mattinata di martedì 18 febbraio a Skalia sono stati arrestati dagli agenti del Dipartimento di Polizia di Kalymnos nove uomini cittadini siriani per ingresso illegale nel paese. (…)
Anche la mattina del successivo mercoledì 19 febbraio sono stati arrestati a Palionisos (…) altri 14 cittadini siriani (12 uomini e 2 donne con un figlio minorenne) (…) provenienti dalla costa turca.”

Non miravano certo alla Grande Grotta o al parco acquatico i 28 fra afghani e siriani che da Farmakonisi (a nord-est rispetto a Kalymnos e Leros) son stati obbligati a caro prezzo a ritornarsene in Turchia, ovvero a morir fra i flutti pur di salvaguardare la Fortezza Europa. Ma a risvegliarci dal torpore tantomeno basteranno questi ospiti indesiderati che si aggiungono, e che, seppur in fuga da una guerra made in Italy – ragione in più per tacerne, se si può – son forse in grado, tutt’al più, di farci distogliere per un attimo appena lo sguardo inebetito da super-falesie ed albe affascinanti; le quali assumono alle volte cupe tinte dorate. Nottetempo nelle baie dell’isola arrivano i migranti, orribile minaccia, presto catturati; alla luce del giorno invece, qui o nelle immediate vicinanze, si muovono i neonazi, democraticamente eletti, segretamente votati.
Andremo in spiaggia a fare il bagno fra i cadaveri o parteciperemo stravaccati alle retate degli sbirri? Cullati dal rumore del vento e delle onde, dormiremo sonni tanto tranquilli quanto rassegnati? In questi frangenti vien quasi da pensare: tra i climber non posso più stare. Ma è più semplicemente il turismo a piazzarsi in mezzo fra il residuo benessere e la crisi, senza peraltro potersi presentare quale soluzione per tutti risolutrice. La nostra pausa di piacere è per altri calvario quando non odissea, incrocio grottesco di tragitti e di destini.
Anche se con ragioni in profondità diverse, non siamo evidentemente gli unici a sognare l’isola. E c’è chi nel buio la brama, passando ad occhi aperti da un incubo all’altro, e chi alla luce dei fatti la deve salutare, riprendendo anch’egli in senso opposto la strada del mare.
A tutti questi corpi forzatamente in movimento dedico ogni mio inadeguato e futile passo sulla pietra da vacanza, ed auguro a chi se ne va e a chi resta una nuova notte e un giorno buono, con riposo, sicurezza, serenità e pace in abbondanza.

“Sono i pezzi di carta, oltre al colore della pelle e la nazionalità, a discriminare le sorti di un viaggio. Passaporti, visti e permessi di soggiorno gli strumenti di cui si servono gli Stati nazionali per decretare che esistono donne e uomini di serie A e donne e uomini di serie Z.”

“Il segreto di questi viaggi è che non vengono da nessuna scelta e da nessuna libertà, perché la libertà era restare. Nascono dalla necessità, e hanno un biglietto di sola andata. Questi sono titoli di nobiltà della parola viaggio. Quello che combiniamo noi sono spostamenti, i migranti ci dimostrano che i confini sono formalità.” (Erri De Luca)

“Blu scuro, è il colore della notte dove si concentrano e si bloccano i nostri occhi, le orecchie, le parole, tutto quanto. (…)
Nessun dolore, nessuna tristezza laggiù: solo il mondo del sonno dove precipito con un tonfo.”
(Banana Yoshimoto, Sonno profondo)

Read Full Post »