Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘silenzio’

Metto i puntini sulle i. Ma anche altrove.

Di solito

Scribacchio il titolo prima della stessa poesia:
un punto interrogativo lo segue cauto,
lo rinfranca, lo accudisce, lo rassicura
lo tiene buono sussurrandogli ciò che sarà di lui
e mi lascia libero di pensare
a dove potrà condurmi questa notte
senza pause e che senza di te
si svela anemica, anonima, disarticolata
da reggersi sul ritornello di un rimpianto
mantenuto ad libitum sullo sfondo

Come se per consolazione volessi già decidere
almeno del suo destino
metto davanti a tutto quelle poche parole
consegnando loro la speranza

Senza titolo

Il titolo è buono,
ma la poesia dov’è?

Conto alla rovescia

Cosa resterà (scusate l’incipit)
– me lo domando sempre –
una volta finite tutte le parole,
di tutte le lingue,
e tutte le combinazioni possibili delle parole
in quelle lingue,
e tutte le rime baciate e non baciate e i trucchi lessicali
e le figure preistoriche e la retorica a molle,
della nostra poesia?

Dovrebbe aprirsi una voragine
fra la nostra lingua e il nostro bacio
affinchè il cervello recuperasse il desiderio
reinventandolo parola nuova
e nuovo suono

(.)

Dio è temporaneo:
ora c’è, ora non c’è, ora non ve n’è bisogno
come una virgola
che avrebbe potuto essere più propriamente
punto e virgola, o punto

Ecco Dio
come un mare in tempesta
che d’un tratto si quieta
lasciando uno strano silenzio
il cui significato si spiega da sé

Cosa scrivere ancora

Cosa scrivere ancora
cosa considerare poesia
e come scegliere la posizione dei punti interrogativi
se nemmeno conosco l’origine della domanda
e la direzione che vorrei potesse prendere
la risposta

(immagine tratta da l’Espresso)

Annunci

Read Full Post »