Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘gare’

esche_gambero_1Se son riusciti ad inventarsi il retrorunning, ci dev’esser posto anche per il downclimbing; e che diventi disciplina olimpica, accidenti!

“Down climbing is an essential skill to have as a climber.”

“Staying balance-neutral (and in control) on the return to Earth”

“Camminare come i gamberi, ossia all’indietro, pare renda di più in termini di fitness che non il camminare in avanti.”

Quello di tornar sui propri passi dev’essere il percorso ginnico intrapreso da un intero paese.
Scrivevo che “i salitori di ieri mi sembran diventati oggi piuttosto…discensori. Quanto in basso s’intenda arrivare è materia d’analisi verticale che lascio approfondire ai prossimi ricercatori”: provocavo sapendo bene di provocare, ma altresì sperando di poter sbagliare. In montagna oggi si corre, anche all’indietro proporrei, e a chi prende il crepaccio od il burrone…100 punti! Ci s’inventano ragioni irragionevoli pur di poter campare sull’ultimo trend che tira, e tutti dietro a far la fila, ad accodarsi come pecore con la pettorina. Io che le pecore pensavo si contassero per addormentarsi gradirei risvegliarmi senza più business, senza più morti od incidenti, senza più autogiustificazioni e gare da portare avanti. Contemporaneamente s’abbassa il livello medio della cultura e della consapevolezza media dei praticanti: salgono perchè, per cosa tutti quanti?
Sostiene Messner che “la cultura urbana si è allargata sulle montagne, si è spinta sempre più in alto, sempre più in profondità”.
Perchè anche la montagna debba seguir la logica della produttività non mi è per niente chiaro. Se in gioventù m’allenavo con un certo entusiasmo, iniziai poi a trattare allenatori ed allenati con sarcasmo. Dal voler vincere su qualcun altro al voler vincere una continua sfida con se stessi c’è un passaggio che prescinde dalla paura del confronto: è proprio il senso della sfida a cambiare, l’obiettivo del corridore. Arrivare prima degli altri non implica per forza il migliorarsi, il conoscersi a fondo. Quanto alle gare di velocità: trattasi di forme evolutive strane, di curiosi ma inutili esperimenti svolti su cavie umane prestatesi alla moderna fretta del mondo. Escludendo le vie lunghe, dove il tempo è una variabile importante, chi scala un monotiro non ha urgenza, a meno che non debba sfuggire all’acciaio o terminar prima del buio il giro buono. Quindi perchè correre, perchè inseguire gratificazioni imposte o suggerite? Già son le nostre vite quotidiane a trattenerci in vincoli sempre più inevitabili, cosicchè il tempo libero residuo finisce per trasformarsi in un momento di riposo – mai in una pausa di riflessione – o in un ulteriore impegno sempre più forzato e assiduo; e alla cosa si dà, per di più, maggior valore: pensa un po’, Tizio lavora giorno e notte…eppure fa l’8b+! E quindi? Forse dovrei prenderlo ad esempio in luogo del ciccione (Caio) che indossa la maglia dello sportivo con accanto il figlio Sempronio, altrettanto panzone, a sventolar la bandierina; ma oggettivamente, quale valore sociale mi dovrebbero dimostrare questo e quell’altro caso umano? Il calcolo dell’energia profusa in senso verticale non mi ha mai interessato, ed è rasserenante sapere che non c’è attività come questa che si possa praticar liberamente, come ti pare e piace; forse la corsa, o il nuoto. Al contempo, però, i media veicolano determinate idee che i più tendono a far proprie, cogliendone come sempre i lati più evidenti e superficiali: la trasmissione del vuoto. Non siamo tutti uguali ed è giusto che sia data degna sepoltura anche al boulderista che per guadagnar pochi centimetri sotto al suo blocco ha scavato la fossa. Ma quel che mi domando è se la nostra sia davvero una scalata volontaria, consapevole, da noi stessi riconosciuta; o se invece a vincere siano sempre e solo l’istinto e la passione, splendidi in sè stessi ma sopraffatti ormai dal business della ricostruzione d’un amore svenduto alla competizione e al gossip, all’illusione dello sport per tutti, all’omologazione.
Io dico che non voglio più ottenere niente o quasi; voglio invece rinunciare a fare ciò che mi vien detto dovrei fare per ottenere cose che non ho mai inteso perseguire: numeri, obiettivi, sponsor, schemi e tabelle, grafici, statistiche, proiezioni. Quanti buffoni ho visto cincischiar sull’8a scendendone a metà, ma gridando alla valle il loro ipotetico potere? Sapranno mai costoro cosa sia il vero godere, sapranno mai abbinare il volere al potere senza per forza sentirsi costretti ad un qualche dovere? Se mai l’arrampicata oggi può ancora essere, per noi comuni mortali non professionisti, stile di vita e non hobby saltuario o semplice piacere del weekend, dev’essere una scelta che vada oltre la scoperta iniziale appassionante e l’equilibrio raggiunto tramite pratica e esperienza; dev’essere la volontà d’abbassarsi a capire anzichè innalzarsi laddove non si può, il coraggio dell’umiltà in luogo dell’ardimento, la capacità d’intravvedere il senso più profondo di un’azione contestualizzandolo. Cosa sto dicendo? In sostanza che arrampicare non è lavorare, ma un gioco impegnativo che se mi rende più che vivo può e deve evitare di finir nel calderone delle scorecard, nell’imbuto del risultato che si spiega ma anche s’annulla da sè nella miriade di sforzi e di passioni tutte diverse eppure tutte uguali; un gioco che può e deve invece verificare il proprio contenuto confrontandosi con la realtà circostante, adattandosi o no ad essa a seconda delle circostanze, della sensibilità e della cultura del singolo e della comunità, agevolando la comprensione di cosa significhi scalare in questo posto, qui ed ora, anzichè altrove.
Sarà l’età, come ho già detto, o che non sogno più un pannello artificiale quando piove.

(immagine tratta da Bit di Pensieri in Libertà)

Annunci

Read Full Post »

Kalymnos_SportsweekUn pacco gara, per la precisione.

“Visto che siamo arrivati sull’isola per arrampicare abbiamo colto al volo l’occasione e ci siamo subito iscritti all’Open Marathon, visto anche il generoso pacco gara offerto all’iscrizione.”

“vi ricordiamo che sono già aperte le pre-iscrizioni online; ve lo consigliamo vivamente anche per assicurarvi il bel pacco gara!”

“Il pacco gara è spesso argomento di discussione tra i podisti. Chi lo vorrebbe più ricco, chi storce il naso vedendo che non contiene quanto riportato nel volantino (…)”

“annualmente la azienda per cui lavoro offre l’iscrizione (lo chiamano team building).
Con questa opportunità faccio due calcoli, l’iscrizione anche se cara é pagata, il pacco gara include un gilet della Craft, e poi chi affolla questa gara é sempre un gran bel pubblico femminile”

“Conosco biker che si iscrivono solo per il pacco gara, dico sul serio, con 30 euro ritirano prodotti validissimi”

“ma voi alle gare ci andate solo per il pacco gara? (…) visto che non sono stato sveglio ad iscrivermi subito mi danno comunque degli ottimi prodotti tipici.”

Mutuato – suppongo – dalle gare di corsa e di ciclismo, il malloppo del concorrente è divenuta ormai tradizione godereccia parimenti di raduni, happening e competizioni pressochè amichevoli d’arrampicata, ma anche di dry tooling e d’altre strane forme d’alpinismo. Il Kalymnos Climbing Festival non sfugge a questa regola. Quest’anno, a dire il vero, lo abbiamo evitato; fummo però sull’isola per la prima edizione, nel settembre 2012, quando del pacco gara facevan parte, fra le altre cose: n.1 t-shirt o canotta The North Face made in Turkey; n.1 beauty case The North Face made in Vietnam; n.1 borsello The North Face, anch’esso made in Vietnam.
Vi vedo sorridere. Lo so, son provocazioni da bambini. Ma al di là della scontata sorridente rassegnazione dell’homo rampicans ai più banali aspetti della globalizzazione in corso (d’altronde son fatti in Egitto gli stessi jeans che porto addosso, non senza rimorso), c’è altro da dire a mio parere nella congiuntura storica in merito al nostro comportamento e al nostro ruolo, trovandoci anche nel nostro piccolo in presenza di vittime e di dolo.
Il rapporto fra il climber e il pacco gara che contraddistingue l’iscrizione a sagre, fiere e kermesse di natura verticale è spesso il medesimo che sussiste fra il frequentatore delle Feste de l’Unità (oggi pedestremente democratiche) e la tombola o il ballo liscio: entrambi son lì per quello. Persino l’arrampicata è una misera scusa: diciamo la verità, se per quel moschettone a ghiera regalato avessi dovuto iscriverti a una gara di bocce o di cucina, non ci saresti andato? L’italiano in particolare, luogo comune vivente sempre in bilico fra la saggezza e la demenza popolare, è sospinto fisiologicamente e senza scomodar la crisi verso l’iniziativa gratuita, il dono, la regalia: al supermercato insegue il 3×2, e gratta furiosamente per vincere al bar o dal tabacchino, i quali espongono tutti quanti vincite mirabolanti. Nulla ha insegnato il fenomeno Wanna Marchi al tanto onesto quanto allocco cittadino. E come quello nei confronti del mago, tu nei confronti del marchio mostri d’aver fede. Ti sembra quasi che, per una volta, il buon dio fra mille ingiustizie e storture si sia ricordato di te; che tutte le iniquità ed incongruenze della vita possano scomparire alla vista del magico pacco gara; e coglierlo è mossa da furbi che vien premiata, regalo di Natale anticipato, simbolica riequilibratura del giusto e dello sbagliato. Un po’ come rubare, ma legalizzato. Senza contar l’orgoglio d’aver partecipato, che vien testimoniato con un che d’eroico: ebbene sì, io c’ero, anzi ci sono stato! La “voglia di esserci” risulta infatti, fra i tanti, il fattore trainante; è piuttosto considerato in difetto chi non presenzia, senz’altro per snobismo od ottusità, non sapendo – già lo scriveva Andrea Gennari Daneri, Pareti 2005 – quel che si perde. Più volte ho avvertito questo incrocio di (reciproche, in verità) velate accuse, diffidenze e pregiudizi; solamente che quelle lanciate per via mediatica suonano più forti, ed io conosco ben poca gente che possieda riviste e siti web commerciali.
Così, chi è più tranchant, nel rivolgersi agli estranei a certi moderni riti tribal-mercantili si permette di dire “con tutto il rispetto, che è peggio per voi”. Ma poi, insomma, di che c’è da discutere? A sentir qualcuno prender parte è imperativo, mancare inammissibile: “non esserci è semplicemente inconcepibile”. Il sistema totalizzante di massificazione dei comportamenti degli individui nei modelli di mercato è perfettamente funzionante, e dove non arriva la volontà precisa il resto lo fa un genuino, grezzo entusiasmo: il partecipante infervorato, infatti, può affermare raggiante “sì, l’ho visto. Riesci solo a dire io c’ero, l’ho vissuto”. Una manifestazione…divina? E “un po’ diverso mi sento, anche se non ho capito bene il perché, e cosa poi sia veramente successo”. C’è del mistero, come in ogni più intenso sentimento, e misterioso è quel qualcosa che nello spaesamento ti rende confusamente fiero un po’ di quello che ti pare. La sensazione di appartenenza, ad esempio, è certamente una forza determinante, utile a combattere proprio quello smarrimento; e di per sè non negativa, se ci si rende conto di ciò che di bello ed importante ti lega ad altri: come ad esempio la consapevolezza della necessità del rispetto dell’ambiente. Mi resta il dubbio invece su altri aspetti ai quali solo certi ostinati criticoni possono pensare. Scrisse ad esempio a suo tempo uno di questi, che lasciato all’anonimato spero di poter citare:

“Una domenica pomeriggio di pioggia… La immaginate? Pensate di trascorrerla al centro commerciale… Ora potete immaginare il concetto di caos? L’atmosfera di sabato e domenica al Melloblocco 2011 era qualcosa di molto molto simile!
Certo, al posto delle famiglie ci sono i climbers, al posto delle cucine vendono le scarpette, al posto dei divani i crash pad, ma l’atmosfera è quella del primo giorno di saldi, dove alcuni presentano i modelli della prossima stagione e altri colgono l’occasione per far fuori l’invenduto di magazzino.”

L’analogia è tutt’altro che inverosimile. La descrizione, benchè sarcastica, così come il resto del testo che ho tralasciato, fa trapelare il legittimo dubbio che la figura del climber sia sempre più approssimabile a quella del semplice consumatore; il quale oggi, volente o nolente, si ritrova sempre più spesso in coda – nei casi più emozionanti con altre centinaia di persone – come se davvero dovesse “prendere il biglietto come al supermercato” per poter scalare. Contrariamente all’usuale rappresentazione d’ogni evento tutta sport, fun & beer, salutismo trendy e vago hippysmo, eccitazione e proliferazione, ed al di là dell’occasione sempre buona per vendere e per comprare, il succitato scritto contribuisce al riconoscimento di ancor più subdole tracce tipiche della cultura del consumismo, inclusi alcuni noti trucchetti: l’idolatria (“la folla di fans, più che mai alla ricerca di idoli e di modelli da seguire”), gli status symbol (“orologi da comperare”…ma ancora alla Sector di Manolo stiamo fermi?), e soprattutto quell’artificioso senso di appartenenza del quale si diceva e che da che mondo è mondo fa star bene senza dover scomodare troppe inutili domande.
Eppure ne basterebbe una soltanto, questa: cos’è l’uomo di massa? Per Fromm “Si tratta di un essere docile, disciplinato, una creatura (…) dominata principalmente dai suoi riflessi condizionati. Egli è pronto ad accettare modelli comportamentali secondo le esigenze del mercato”. Ecco perchè, anche a causa dell’intervenuta confusione di valori e disvalori (eguaglianza od uniformità?), “siamo sempre più uguali, sempre più uniformi e passivi e quindi destinati ad essere inseriti come automi nell’immenso alveare dell’organizzazione sociale (…). Il trionfo dell’uniformità spegne il motivo dinamico della individualità e, quindi, la capacità dell’uomo di generare forme produttive di esistenza”.
L’arrampicata ci dà appena l’illusione dell’attività individuale; il gruppo, sia esso un nucleo più o meno ristretto, quella dell’appartenenza ad una dimensione collettiva. La differenza rispetto a quel che continuiamo a considerare dopo tutto altro da noi si fa però sempre meno chiara. Il fervore comune ci fa assomigliare gli uni agli altri, ci conforma, ci ammassa (non ci ammazza ancora, ma più poco ci manca, visto quanto il gioco è stato venduto per esser preso sottogamba). E’ vero, produciamo soprattutto passione e sogni e tendiamo a ritrovarci in valori poco in voga; ma la felicità rimane un bene da acquistare, per chi se lo può permettere, e la sua ricerca appare sempre più guidata.
Il succitato AGD aveva firmato anni fa un bell’editoriale di Pareti su “un paese assurdo e flaccido” ben rappresentato da un bambino ciccione, sportivissimo tifoso della Juventus, incocciato dall’autore all’autogrill; e in quel paese irriconoscibile – o meglio, in cui è difficile riconoscersi – noi climbers avremmo rappresentato idealmente l’alternativa attiva, autonoma e produttiva. Ma l’alternativa A CHE COSA, se – tanto per dire – lo sponsor del Kalymnos Climbing Festival 2012-2013 è esattamente il medesimo che “festeggia insieme alla Juventus Campione d’Italia 2012-2013”?!?!
Da un lato, questi moderni e novelli amanti della libertà son pagati per decretare l’esistenza di “2 mondi, quello dell’off road e dell’arrampicata, che condividono gli stessi valori e lo stesso amore per l’avventura” (curioso, non ne ero a conoscenza); dall’altro, “‘Jeep è orgogliosa di aver accompagnato i campioni della Juventus in questa straordinaria avventura, fino alla vetta più alta’.”
Ravviso similari suggestioni in queste descrizioni maliziose d’avventure e vette affrontate a muso duro ed a sponsor sicuro. Monti e calciatori, per chi le gioie e per chi i dolori?
In sostanza, dietro al bambino a forma di pallone, simbolo di passività, proprio come dietro all’atleta che in un paese schiavo del pallone dovrebbe rappresentar, se non la soluzione, il buon esempio, c’è la stessa finalità, la stessa forza: lì disposta a muovere i pullman dei tifosi, a far partire i voli low cost per/da Kos, e a far girar come una palla il mondo intero.
Non riesco sinceramente a vedere cosa tutto questo possa aver a che fare con la “straripante proposta di stile di vita” idealizzata a suo tempo da Güllich; chi abbia stabilito ch’essa dovesse passar per forza attraverso uno spot commerciale; ed infine, come possa far bene allo sport (espressione comune) il bordello che si è generato in seguito al boom della scalata, ivi incluse irresponsabili degenerazioni da chiusura della falesia oltre alle peggiori e talvolta perfino impensabili derive etico-morali.
Tuttavia, complice forse l’arrabbiata discesa in campo d’un mio illustre concittadino, si parla sempre più spesso e in ogni luogo di rivoluzionari mutamenti ai quali si dovrebbe prender parte; le parole partecipazione, movimento e cambiamento mai son state più fuori luogo, eppur di moda. Ma al di là di validissime collette fra appassionati, che non son certo una grande novità, non so cosa voglia dire tutto questo. Di per sè, “sentirsi climber” non implica (più?) niente di speciale oltre all’inseguimento dell’ultima falesia dove presenziare, e la Cronaca della libera s’è fatta tanto clamorosamente spicciola e dispersiva da risultare nauseante e ripetitiva. Le Olimpiadi restano per ora irraggiungibili, ma le nostre Gazzette dello Sport già ce le abbiamo, e la catena che tiene assieme evoluzione e performance, senza farcene accorgere, trasformando il gioco in giogo ci fa restare al palo d’una dipendenza intellettuale.
Se per due doni, due soldi o due fittoni siam disposti a farci raccontar quella dell’uva, cosa ci prepariamo ad accettare? E se nulla nei fatti differenzia uno sport e un business dall’altro, cosa ci resta a parte l’intima importanza dell’esperienza individuale? A dire il vero quella a me bastava e soddisfaceva pienamente anche prima che quest’attività diventasse moda e commercio omologante, innalzamento fisico ed assieme affondamento culturale generale.

Se poi tutto alla gara va davvero bene, manca solo la batteria di pentole in acciaio inox 18/10 e si torna a casa dall’evento veramente a posto, convinti d’essersi trovati al posto giusto nel momento giusto per fare l’affarone. Per questo è l’esaurimento scorte il vero incubo d’ogni atleta pronto all’iscrizione, ma non all’esclusione. Metti che paghi, ma non vinci niente: sei un coglione.

Read Full Post »

Del sogno olimpico e d’altre imposizioni culturali.

Non dirò che non voglio l’arrampicata olimpica: dirò che non esistono ragionevoli motivi per volerla, se non quelli del business, mediaticamente serviti e pronti da introiettare; e che a tale riguardo non esiste dunque che una sola voce uniformante, quella dell’entusiasmo olimpico padronale.

“Siamo diventati un vero sport”

“AAAh i nostalgici, quelli che arrampicano per trovare la loro libertà… quanti ne conosco… e quanto li odio…”

“La nostra struttura sociale è fondata sulla competizione, quindi sull’esclusione.”

“C’è gente che è competitiva anche a pelare le patate.”

Dai tempi del celebre ‘manifesto dei diciannove’ contro le competizioni ne son cambiate di cose, ne son stati sostituiti di chiodi, ne abbiam raccolta di spazzatura. Era il tempo di Sport Roccia ’85, un nome una necessità, per alcuni (fra i quali un famoso giornalista di Tuttosport); per altri, una contraddizione in termini.
E’ o non è stato il settore delle Gare in Valle Stretta, nonostante i “purtroppo” e i “che tristezza!!” anticipati di Andrea Gallo (guida di Alp ai Luoghi della libera, 1987), il “primo rocciodromo all’aperto d’Italia”?
Quando si definisce un’attività in “crescita formidabile” si sta parlando in termini di quantità o di qualità?
Per carità, meglio esser libri di resina e cemento che di sangue.
Non è però mai stato chiarito al grande pubblico (che un tempo si chiamava società civile) cosa debba significare il termine progresso: pensavo si dovesse trattare d’una evoluzione, d’un cambiamento in meglio, e che dovesse forse coincidere con il termine delle nostre fatiche, o con l’inizio d’un benessere diffuso, equamente distribuito. Ma, a prescindere dal fatto che noialtri si fatichi abitualmente per divertimento, qui mi si vuol comunque convincere che non tutte le evoluzioni vengano per nuocere, anzi: che sia in ogni caso necessario e ben gradito compiacersene.
La presunta ‘naturale’ evoluzione della scalata a mani nude in sport agonistico, ad esempio, non so quando sia mai stata dimostrata. M’ostino a pensare che nella vita ci si possa confrontare per comprendere, senza per forza dover decidere chi sia il migliore. Ogni classifica, se a qualcuno dovesse proprio interessare, è peraltro relativa. D’assolutamente certo c’è che in falesia è possibile avvistare un’intera fila di agghiaccianti 7 ed 8, restando fregati dall’unico spigolino tecnico di seicippiù: là dove quasi tutto è possibile, più che altrove entra in gioco l’imponderabile, che rendendo l’imprecazione facile ti rende inclassificabile. Bravo, forte…che cosa può non dico solo importare, ma significare? Che sia dunque l’illustre sconosciuto ad esser coglione per scelta, quello che la scorecard o non l’ha o non la ricorda, quello che magari annota, ma non per (di)mostrare? Non sto parlando di fantasmi: essi vivono, e lottano ormai soltanto più per conservar se stessi integri e sani, nascondendo la performance allo sponsor, perseguendo obiettivi fuori moda in falesie irraggiungibili.
Se mai sarà olimpica, arrampicata farà rima probabilmente con velocità: il riassunto stringato d’una attività descritta banalmente ad uso (inter)nazional-popolare. In questi tempi critici e frenetici, d’arrampicare con lentezza c’è bisogno; anche se poi la via magari la chiudi con un lancio improvviso. Ma la concentrazione non esclude il dinamismo; ottuso è piuttosto il troppo semplificare, che rende penoso il gioco.
Le categorie (spesso fra loro collegate) della bellezza estetica e del significato profondo delle cose non vengono considerate, non servono, non producono nè vendono, non fanno classifica; ma resistono proprio perchè non possono nè vincere nè perdere: esse semplicemente esistono, anche se non son quasi più riconosciute. Così vedi la linea bella, magica, pura ma ti lasci attirare da quella brutta, orribile, costretta, che a farla bella e ad attizzarti chissà cos’è, forse il push up del grado, o un certo grado di malizioso, cupo sudiciume. Buon per me: la bella non avrà coda e potrò farla mia (lo temevo, ricasco in un elitarismo compiaciuto!).
Ma il tempo stringe. Non abbiamo tempo. Presto che è tardi!
Devo lavorare per consumare e così consumar la vita a desiderar di consumare. Devo vincere per guadagnare, è dignitoso ma mi fa, pur se vittorioso, poco eccezionale.
Ma io, che non ho più tempo di vincere, e mai peraltro ne ho avuto le forze, qualcuno dovrò pur applaudire. “Eravamo atleti, diventeremo tifosi”, sentenziava lagnoso un praticante polemico di codesta attività – così almeno m’è stato tramandato. Ma già atleta è una parola grossa, un riconoscersi cavia, bestiola, furetto. Fatico a riconoscermi da solo nello specchio e non soltanto nell’alzarmi mattutino, figuriamoci se potrei cedere al riconoscimento che qualcuno potrebbe volermi dedicare. Certo, non mi s’impone niente, almeno direttamente. In maniera indiretta, però, ti dicono che cosa è bene o male; ed era un bene sino a ieri, ad esempio, intendere il pallone come “un’attività alternativa alla guerra”, mentre oggi il campioncino porta amorevolmente la guerra stretta al braccio agli Europei. Ne cambiano di cose – continuamente, progressivamente. Loro, naturalmente; e ben poco naturalmente. D’altronde lo stesso barone De Coubertin sapeva benissimo che “l’atletismo (…) può essere usato per consolidare la pace così come per preparare la guerra”. Ecco perchè odo cazzate ed intuisco male intenzioni, ravviso fraintendimenti, vedo nel “vero sport” un vero spot, cinque cerchietti per le allodole; mentre m’assordano gli slogan ed immagino i fuochi d’artificio, il soundtrack ufficiale.
Per Tuttosport siamo già “il Climbing”, che americanizzato fa assai figo… Disciplina in rapida trasformazione: per l’Economist “quella che un tempo era un’attività di nicchia si sta trasformando in uno sport vero e proprio”, anzi il “nuovo sport di tendenza”, pronto alla passerella e alla sfilata. “Se la trasformazione sarà completa lo deciderà il CIO”, mica io, dopo aver osservato il nostro (oddio! M’è scappato) tentativo di battere Baseball, Karate, Roller Sports, Softball, Squash, Wakeboard e Wushu, tutti maiuscoli, maschi ed incazzati.
Per una cannetta fatta pagare a Sharma c’è l’Eritropoietina lacrimevole di Schwazer a ricordarci come si può marcire nel marciare in una certa direzione.
Per un tocco libero di genio a rischio arresto causa Olimpiadi c’è un tentativo sicuro di vender lo squallore tricolore.
Lo so, vorreste convincermi che tutto questo sia normale. Peccato: il consiglio per l’acquisto non fa parte del mio bagaglio culturale verticale.
E ancora non mi sono chiari i motivi reali e concreti in base ai quali dovremmo tutti quanti considerare “molto positivo per l’attività che l’arrampicata entri a far parte della famiglia olimpica”, come sostiene Scolaris. Ma tant’è… Così come per il Tav, ormai il pensiero che dev’essere anche mio è stato deciso, ed il solo che post-manifesto restò coerentemente contrario alle gare è defunto di mal di montagna. Perciò, che squillino le trombe! The show (-business) must go on.
Cosa ci sarà poi tanto da discutere non so. L’arrampicata non è sport olimpico? Ma la carabina sì: è sport olimpico sin dalla prima edizione dei Giochi olimpici moderni (Atene, 1896), pensate un po’ che dignità. Non mi pare che ci sia da spararsi, vergognarsi od offendersi per questo.
Se proprio devo scegliere, fra tiri in porta, tiri a segno o tiri a canestro, perfino il lancio disperato alla catena mi pare più elegante e onesto.

Sondaggi, soldini, squadroni e benedizioni:
“Ma insomma, perché dovrei tifare per l’arrampicata?”
“43 % of the 2250 who have answered the Olympic poll, have voted, “Absolutely – WOW!”.”
“Clearly, climbing should be part of the Olympics but it seems very difficult as they do not want more sports in the game.”
“Climbing is one of the biggest sports that has not yet made it to the Olympics. Most climbers are in favour and of course this would make a huge impact on sponsor money etc.”
“con il progetto «Sport climbing – 2020 dream» si stanno intensificando le iniziative per dare la massima visibilità all’arrampicata”
“Ovviamente nella scelta contano molti fattori, alcuni dei quali esulano dallo sport in senso stretto: politica, lobbying e contatti hanno un grosso peso, e in questo quadro va intesa anche la decisione di organizzare un evento in Piazza San Pietro, sotto i buoni auspici del Papa”
“Ora, la componente competitiva è parte di quella ludica e, salvo gli eccessi e le perversioni cui sa elevarla l’essere umano, componente non trascurabile della nostra esistenza.
E poi, diciamolo, non se ne può più di certe contrapposizioni che affliggono endemicamente il nostro paese. Senza sindromi esterofile, guardiamo in Francia, per esempio: è vero, a suo tempo ci fu il “manifesto dei 19” contrari alle gare di arrampicata, ma quella società, così infinitamente più avvezza alla cultura della montagna, quanto è più vicina a una sintesi fra azione e contemplazione, fra l’andar per monti senza fine e l’andarci con il doppio fine, quello di salire e di vincere? Momenti diversi, complementari, compresenti, ora questo ora quello, della vita. Senza contrapposizioni assolute.”

“Perchè l’arrampicata ha delle componenti sportive a mio modo di vedere NON è semplicemente uno sport come invece lo è stare su 100 metri di pista.
Le componenti sportive dell’arrampicata sono sempre state, ed è giusto che così sia (sempre che si vogliano preservare i valori che l’alpinismo e l’arrampicata hanno sempre avuto), relativamente marginali.”

“Ci stiamo avviando verso l’irregimentazione culturale: giornali e televisioni locali, nazionali, mostre, festival del cinema, programmi scolastici, tutti pervasi dagli ideali ‘olimpici’… La cultura a senso unico è sempre stata un nemico da temere. Figuriamoci quando reclamizza prodotti commerciali.”
“si parte celebrando lo spirito olimpico (…) però in realtà tutti agitiamo le bandierine del nazionalismo. (…) Dove non c’è il tifo, ahimè, non c’è sport”
“Passerella di sport che nessuno conosce, trionfo dei nazionalismi, medaglieri per atleti che poi andranno in Parlamento, bromuro quotidiano sponsorizzato dalle multinazionali.”
“una delle più importanti strategie di accumulazione inventate dal neoliberismo è proprio quella del marketing urbanistico, del grande evento come punta avanzata di capitalizzazione che usa lo spazio metropolitano per l’estrazione di plusvalore.
Molti analisti britannici, non senza alcune ragioni, stanno parlando delle Olimpiadi come ultima vera istituzione globale multilaterale”

“Possano le Olimpiadi essere «un momento di rinnovata amicizia in cui forgiare la pace»: così l’arcivescovo di Westminster ha salutato gli atleti giunti a Londra da tutto il mondo. Proprio per rappresentare questo spirito, nella cerimonia di apertura il governo di Sua Maestà britannica ha fatto issare la bandiera olimpica con i cinque cerchi, simbolo di pace, da una squadra di 16 militari britannici, scelti tra quelli maggiormente distintisi nelle ultime guerre.”
“I media invitano il cittadino medio a esaltarsi per Valentino Rossi su Ducati, per la Pellegrini in vasca o per la vittoria dell’Italia di Prandelli contro la Germania non solo sventolando la bandiera dell’orgoglio nazionale, ma anche millantando improbabili collegamenti con l’economia reale: sono tutte cazzate, non servirebbe neanche ribadirlo. (…) Insomma, avremmo anche potuto fare il pieno di medaglie alle Olimpiadi, ma avremmo continuato a vivere in un Paese di merda.”

Read Full Post »