Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘fame’

Henri de Toulouse Lautrec_bedkiss“che posso farci, sono felice,
sono più sterminato dell’erba nelle praterie,
sento la pelle come un albero rugoso (…)
Oggi lasciate che sia felice, io e basta, (…)
essere felice con te, con la tua bocca,
essere felice.”

(Pablo Neruda, da Ode al giorno felice)

Agnese con la bocca semiaperta mi sussurra che ha fame.
Per me significa che ha voglia. Difatti tiene chiusi gli occhi, sorride. Distende le gambe, attende qualcosa. E mantiene quella boccuccia semiaperta che è come se seguitasse a parlare, un po’ pretesa un po’ invocazione.
Sono quasi le nove, sento la pioggia cadere sulle persiane, ed in questi weekend scoperti all’improvviso privati d’un fine godo nello smuovermi appena un poco per rendermi conto dell’ora. E’ sempre troppo presto per alzarsi, sempre troppo tardi per decidersi a fare qualsiasi cosa comporti la fuoriuscita dal letto; sempre troppo bello, in quel letto, restare il più a lungo possibile.
Fuori c’è il mondo che oggi non c’interessa, le pellicce e i piumini, l’asfalto bagnato, l’inverno; qui a pochi centimetri un corpo caldo e liscio che sa raccontare una storia, come strisciando il palmo sulla corteccia d’un albero. L’erba in cui affondano queste radici è umida, non fradicia; fuori la tristezza scorre a fiumi, invade gli occhi, allaga l’anima. Muovo la mano come ad asciugar la pelle, ricercando la ragione d’una presenza.
Ma mi trattengo e lascio che sia Agnese a precedere i morsi della fame.
Prima la testa, poi la pancia: adoro il dilettevole, lo ritengo sempre utile. A superare certe debolezze, per esempio.
Convincersi di non sentire niente altro, di non aver davvero bisogno di mangiare. Così, quando dovremo finalmente andarcene da qui saremo nudi, ma non avremo freddo.

(immagine tratta da COOL MACHINE)

Annunci

Read Full Post »

hamburger climberE quattro.
Sul nuovo Mac in Sottoripa.

“Insomma, gli hamburger alla Mc Donald non mi fanno certo impazzire!” (Lynn Hill)

“Mangiarli m’interessa zerovirgola, è il concetto.”

Oggi pane, domani fame.
Sotto crisi molto chiude, qualcosa apre; di tutto accade, nulla si comprende. Si tende perloppiù ad una felice rassegnazione, a leccarsi le dita dopo l’amputazione.
A noialtri resta l’arma della (contro)cultura, che è poca cosa e tende a scarseggiare: in altre parole, ci resta la consapevolezza della sconfitta culturale.
Basti dire che a Savona son riusciti a metterlo in via Stalingrado; mentre a Milano, un anno dopo esser stato fatto sloggiare, il Pd (panino democratico) ha riaperto per gratuita acclamazione.
Va in controtendenza la Bolivia, dove McDonald’s sbaracca – pare – oltre che per via della qualità del cibo anche a causa di un rifiuto popolare generato “da questioni etiche e dal sentimento antiamericano e anticapitalista”. Non sia mai che faccian da apripista. Più concrete ancora le ragioni del fallimento in Grecia, dove in compenso “è rimasto alto il consumo dei tradizionali spuntini greci come le ciambelle di pane (koulouri), le tyropite (tortine al formaggio) e i souvlaki”: applausi glocal!
Nel frattempo che invece qui stiamo a guardare, quelli o minacciano manovre critiche o per scongiurar la propria, di crisi, edificano mostri; ma possiamo crederci alla pari, se ci pare: affari nostri. Nei casi migliori, manco a dirlo, non manca neanche il muretto per l’arrampicata: una struttura adatta ai bambini ovviamente, da sempre tenuti in grande considerazione dalla multinazionale, che li insegue per sedurli anche all’asilo.

Pronti come siamo a far di tutto per essa fino a farci più o meno consapevolmente manovrare, della scalata diventeremo presto da amanti utenti e poi da utenti schiavi. Probabilmente già è così, vista l’occupazione straordinaria richiestaci da sempre nuove chiamate alla magnesite e alle scarpette, fra uno Street Boulder, un RocTrip, un Climbing Festival e un Rockshow: ogni buon marchio ha il proprio evento, ogni rock party il suo momento. Eppure si tratterebbe solo di toccar con mano, di aprire un attimo gli occhi nel bloccar sul Parmigiano. Siamo o possiamo diventare un evento promozionale vivente, una mortificante ghiottoneria; un monumento alla fretta d’arrivar nudi alla meta, confondendo il sacrificio con lo spettacolo, l’essenziale con lo spogliarello.

E un domani, quando i Mac in città saranno forse saliti a questo numero, titolerò E9. Per festeggiar l’evento accorreranno urban climbers da ogni dove, e con essi street builderers e boulderers, tutti quanti pronti a farsi scritturare per aggrapparsi al mostro da pagliacci vestiti e volteggiando in danse escalade superare ardite prove.

(foto tratta da Flickr di Fraggy)

Read Full Post »

“Con la bocca non solo il neonato mangia, ma anche pensa” (Susan Isaacs)

Interessante. E l’amante, con la bocca, che ci fa?
Ci pensa pure l*i. Pensa con gusto: al sesso fatto prima, a quello che si farà dopo, a quello ancora fattibile nel frattempo.
Dicono infatti che sesso e cucina formino un’accoppiata vincente. Dipende da chi cucina. Se tocca a me, non si va oltre le prime quattro chiacchiere. “Cosa desideri stasera, cara?”…”Coniglio in umido”…”Bene!”. Come cazzo le sarà venuto in mente, provocatrice nata che non è altro. Io scherzavo! Mostro entusiasmo. O te lo fai, inventando gli ingredienti dei quali non dispongo, o mi lasci il tempo di raggiungere la prima rosticceria. Che a quest’ora è chiusa. Perciò, non si mangia. E non si fa neppure altro, aggiunge lei. “Bene!”, ripeto, e assieme al frigo chiudo ancora più entusiasta la conversazione. Cala un gelo da freezer, con lo stesso vuoto dentro. La tensione è palpabile, non so se sia più per la fame in aumento o per la libidine frustrata. Questa – ma che dico: qualunque – cucina sarà la tomba del nostro amore.
Di solito ci si lascia incazzati, delusi, depressi, indispettiti; noi ci lasceremo affamati, e non certo di vendetta. Ma se anche fosse, con un po’ d’impegno a servire un piatto freddo forse potrei farcela, chessò, un’insalata di riso, offerta senza riso alcuno. E invece la stronza conserva il ghigno e mi chiede il coniglio. Restiamo seduti ai bordi opposti del tavolo aspettando di veder passare la cena, nemica acerrima e spietata killer della nostra passione. Ai miei occhi sognanti si propongono dolci lussuriosi, con ondate di cioccolata e panna che straborda; Agnese invece s’addormenterebbe avvolta in un letto confortevole di calda farinata. Come si vede, idealmente ci completiamo, bevande escluse. Non posso accettare che sia un coniglio a dividerci.
In preda alla gelosia mi chiedo se sogni anche lo chef, magari pure il cameriere, quale prenda come primo e quale per secondo.
Ma in un mondo perfetto io sarei un cuoco d’eccezione. E lei sarebbe in brodo di giuggiole: sempre pronta a collaborare, a lavare, tagliare, carezzare, cuocere il pollo (che sarei io), sciogliere il burro ed accendere il mio fuoco. Saremmo sempre indaffarati e il nostro amore non conoscerebbe noia. Saremmo come sale e pepe, pane e olio, come l’acqua per il cioccolato. Saremmo anima e corpo, odore e sapore, preparazione e consumazione, compimento, amalgama, congiunzione. Uniremmo amore ed odio in un ribollire d’emozioni, tra pentole e ricette, tra cosce, culi e tette. Diventeremmo creature perfette, un piatto solo, due forchette.
Tento di convincerla, spremo le meningi e cito Kundera: se il cibo è legato al sesso, “l’erotismo è come il ballo: c’è sempre uno che conduce l’altro”. Infilati dunque quel dannato grembiule, magari sopra a niente, e inizia a cucinare, penso, mangerò ciò che vorrai; altrimenti scoppieremo invece di scopare. Non la convinco. La prossima volta non mi scelgo una femminista, questo è chiaro, e fanculo all’emancipazione, alla liberazione sessuale e a tutto il resto.
Domani, a colazione, ne riparliamo. Ora sono stanco: per stasera bevo acqua e vado in bianco.

(artwork by alicecoibaffi)

Read Full Post »