Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘black bloc’

repdelleidee_infami“Un saluto amaro e fraterno a tutti i delatori. Siete anche voi figli di questo mondo.”

“Il conformista è colui che ha la vista annebbiata, e non vede altro che il “simulacro della realtà”. Colui che silenziosamente aderisce come collaboratore di un regime (apparentemente) vincente e lo fa nella forma più bieca e vigliacca: quella del delatore.”

“If you’re not careful, the newspapers will have you hating the people who are being oppressed, and loving the people who are doing the oppressing.” (Malcolm X)

Colgo l’occasione dell’evento culturale genovese per ricordare una delle idee più geniali avute dalla testata organizzatrice: quella di spingere i cittadini, sull’onda dell’indignazione del momento, alla delazione digitale a danno dei presunti black bloc dopo gli scontri di piazza scoppiati il 15 ottobre 2011 a Roma nel corso della manifestazione dei così detti Indignati del Movimento Occupy; un gran brutto esempio di mediattivismo di regime, spacciato per amore democratico di legalità e giustizia, oltre che delle ragioni di parte del Movimento – tanto che l’editorialista, nel passaggio sottostante, arriva a far proprio l’inno alla rivolta lanciato a suo tempo dal KKE.

“Ribellarsi è giusto. (…)
Quello che non è giusto (…) è che le intemperanze di una minoranza facinorosa, anarco-insurrezionalista o neo-nazista che sia, riducano al silenzio le ragioni di una maggioranza rumorosa, ma non violenta, che chiede all’Italia e all’Europa il coraggio di quel “rise up” che finora è mancato, e del quale c’è ovunque un disperato bisogno. (…)
Per fortuna qui non c’è nessuna “guerra” (…)”

Sorvolo sulla disinvoltura con cui Giannini accosta anarchici e neonazisti, i quali (senza voler andare tanto indietro nella Storia) oggi in Grecia se le danno di santa ragione, col redattore alla finestra e con la differenza non da poco che mentre gli uni tentano la scalata al Potere (e quel che è peggio è che ci riescono democraticamente, nonostante qualche difficoltà posta loro dalla Giustizia statuale), gli altri intenderebbero fermarla. Dove risieda il problema è evidente, ma chi ama i capri espiatori si concentra sui devastatori delle vetrine e non sulle rovine del concetto stesso di democrazia, favoletta ormai utile soltanto al mantenimento della pace sociale, qualunque cosa accada.

Poi ci si domanda perchè mai vinca la Lega… Ma perchè il cervello medio è quello, e il messaggio che mediaticamente si convoglia pure: sparare a vista, sparare in fronte, sparare ai barconi. Dopodichè son pronti a tirar fuori gli anni di piombo ogni qual volta torni loro comodo, e perloppiù a sproposito ovviamente; quando il messaggio carico d’odio e di violenza è a senso unico e lo si vorrebbe cultura diffusa, orgoglio nazionale.
Ricordo ancora quell’indirizzo email fornito dal giornale, al quale inviai, in luogo dell’agognata preda, un mio ripensamento originale. Un’email può fare male, ma può anche provocare un poco d’ordine nel delirio legalitario generale.
Delirio che spinge alla facile accusa anonima senza riconoscer nel presunto teppista il figlio che sbaglia d’un sistema in tutto e per tutto sbagliato, parte d’un mondo che – parole a parte – non si vuole affatto ripensato; così trasformando il cittadino-lettore-segaiolo annoiato in segugio-detective-poliziotto scatenato: nient’altro in realtà che un patetico bigotto, rimasto (e desiderato) tale sin dai tempi del G8.
Oggi come ieri infatti stiamo ancora fermi al concetto infantile dei buoni e dei cattivi, e il cittadino esemplare, che ben conosce tale differenza basilare, dopo i no global può dar ora sfogo al proprio gratuito giudizio democratico coi black bloc, i NoTav o i NoExpo, “contribuendo in tal modo a produrre un notevole calderone di idiozie e mistificazioni insulse”, ma garantendosi probabilmente un posto sicuro in paradiso; e pazienza se la denuncia la si fa coperti in viso.

Se il delatore è quei che porta a notizia, La Repubblica oltre a fornir notizie nel passato s’è dedicata dunque convintamente al ruolo di (Re)pubblica spia; il che è ben peggio del buttarla semplicemente in caciara tramite infotainment, vale a dire lo spettacolo dell’informazione.
“Sparategli in fronte!” allora potrei gridare, come suggeriscono agli sbirri certe democratiche massaie milanesi vittime dell’Expo. Ma ai giornalisti, dico io. Riuscirebbero però i nostri pistoleri a distinguere il lavoratore onesto da quello in cattiva fede, il cronista anonimo e lecchino da quello che con una domanda sola prende il Potere in contropiede?
Forse il mondo andrebbe ripensato incominciando dall’autocritica; iniziando a domandarsi il perchè delle cose e della loro evoluzione (o involuzione), anzichè cavalcare l’indignazione borghese o quella popolare, troppo spesso guidate da interessi più o meno (etero)diretti o da emozioni sapientemente strumentalizzate. Esporre consapevolmente alla gogna mediatica il rivoltoso colpevole di troppa rabbia non esime il delatore, ed il giornale che lo invita, da responsabilità. Son tutti in buona fede, beato chi gli crede. Il punto resta il ruolo di certa informazione allarmistico-terroristica, che a noialtri malpensanti è già ben chiaro: costruire quel “simulacro della realtà” mediamente condivisibile che tanti dibattiti, troppi discorsi mascherano e giustificano.

***

Letture consigliabili nel merito:

16 ottobre 2011
“«Devastatori» li ha definiti il Tg3 questa sera. Non si tratta della violenza dei potentati finanziari, la minaccia del taglio di rating che si trasforma in necessità di tagliare la spesa sociale, quella destinata all’assistenza, all’istruzione pubblica, alla cultura e al patrimonio artistico frutto di millenni di storia di un popolo. No, i devastatori sono dei ragazzotti che hanno sfasciato ieri qualche vetrina e incendiato un furgone (un altro automezzo, lanciato a folle velocità dai soliti galantuomini in divisa, ha gravemente ferito un ragazzo, ma c’è l’ordine di non farlo vedere). Non ho alcuna simpatia per questo genere di violenza, ma di quella dei terroristi della finanza appoggiati dai teppisti di Stato non si parla o lo si fa in guanti bianchi.”

17 ottobre 2011
“la Rete si fa luogo di delazione generalizzata. (…)
Fare (…) diventare la Rete un umorale terreno per l’odio sociale non mi sembra un obiettivo che dovremmo – né noi, né i media generalisti – perseguire.”

17 ottobre 2011
“Oggi mi citava anche Repubblica, come una “binladen” di piazza, una che ha avuto il suo primo orgasmo al primo fumo che s’alzava, poveri deficienti. (…)
Il livello è basso ovunque, nel giornalismo quasi non è calcolabile.
Siamo diventati tutti questurini, delatori, invocatori di carcere, di pestaggi, di separazione tra bello e brutto, buono e cattivo.
Ho visto persone impacchettare minorenni vestiti “non in modo consono ad una sfilata pacifista” e consegnarli alla polizia (…)
Ma come si fa? Ma che siete diventati? Ma dove siamo arrivati?
La cultura di vent’anni di berlusconismo e anche di anti-berlusconismo, vent’anni di editoriali di Repubblica, vent’anni di Santoro ecco a cosa c’hanno portato: ad una società di delazione, di infamia, di rimozione della propria storia, del proprio sangue, delle proprie radici. (…)
Io non adoro chi distrugge bancomat…non penso sia una cosa intelligente nè funzionale al movimento, ma assaltare una caserma e un’agenzia interinale è un atto politico che possiamo certamente non condividere ma che dobbiamo osservare, comprendere, valutare…e invece rispondiamo con “fascisti, via da qui”.
Una manciata di almeno cinquemila persone che affrontano la polizia con quella determinazione e quasi senza alcuna paura…ne vogliamo parlare o risolviamo alla Repubblica, invocando “pene esemplari”?
E poi? Ci lamentiamo se Di Pietro parla di Legge Reale, di sparare a vista?
E’ stato fatto da voi l’altro ieri, compagni cari, e Repubblica ha preso la palla al balzo ed ha un indirizzo email dedicato proprio alla raccolta delle immagini con i volti dei “blackbloc” per consegnarli alla polizia e magari far dare dai 9 ai 15 anni (come già si mormora) a qualche fanciullo o fanciulla (…) che non ha nessuna prospettiva di vita decente e nemmeno nessun sostegno o sbocco politico visto il vuoto pneumatico che le organizzazioni tutte hanno contribuito a costruire in questi ultimi anni. (…)
Fosse stata Londra o Atene, tutti a trasformarsi in sociologi del cazzo per capire il fenomeno della generazione rabbiosa, quando sono i loro figli, son “fascisti, vigliacchi” e cose varie…andate affanculo, andate in pensione, voi che l’avete.”

17 ottobre 2011
“Torme di probi cittadini sono state impegnate nelle ultime ore nella caccia in rete all’infiltrato o in alternativa nella caccia al temibile teppista, a seconda delle differenti sensibilità.
Il fenomeno ha riguardato sia gente di destra che gente di sinistra, che ha attinto in rete dal vasto materiale iconografico disponibile sul 15 ottobre e ha scatenato un vero e proprio linciaggio digitale, per lo più puntando a caso. (…)
Si tratta chiaramente di azioni sconsiderate e non solo perché sono anche reati che, per ironia dell’ignoranza, questi poveretti commettono convinti di partecipare ad un’allegra caccia all’uomo legalizzata dalle buone intenzioni. (…)
Se anche si trattasse degli odiati bleccheblocche, non è comunque bello e lecito scatenare una cagnara del genere. Non spetta alla folla emettere condanne o mandare alla gogna i delinquenti, già ci sono i media che abusano dei derelitti e dei delitti per vendere di più. (…)
Gente che ci mette nome e cognome e che lancia accuse pesantissime e insulti incredibili mentre propone pene sempre più estreme e degradanti. È chiaro che non ci troviamo di fronte a un improvviso fiorire di paladini della giustizia, quanto a una manifestazione d’ignoranza, violenza verbale e maleducazione diffusa, che trova sfogo attraverso i social network.
(…) anche La Repubblica ha messo in piedi una caccia all’uomo digitale: visualdesk@kataweb.it è l’indirizzo a cui mandare le foto dei cattivi che manifestano. Una pessima iniziativa (…)”

17 ottobre 2011
“La Philips annuncia 4.500 licenziamenti e la Borsa spicca il volo. Il Vaticano non ha parlato di «violenza che colpisce la sensibilità dei credenti». Evidentemente son cazzi loro, dei disoccupati, anche se credenti di obbedienza apostolica romana. Del resto, nessuno scrive commenti su internet contro queste minuzie, troppo occupati a dare dei fascisti ai black block, oppure a cercare spiegazioni nell’indole psichica piuttosto che nelle situazioni sociali concrete (la psicologia borghese vanta una consolidata tradizione in materia di esorcismi).”

18 ottobre 2011
“Rivolta morale in Italia! Finalmente i cittadini compatti denunciano il crimine. I mafiosi? No! Gli evasori che tutti conoscono? Nooo! I politici corrotti? Nooooo! Sbatti il mostro in prima pagina, denuncia un black bloc!”

18 ottobre 2011
“Merde. Sterminiamoli tutti. Fotografiamoli e facciamoli arrestare.
Ecco, io invece direi che è il caso di ragionarci su. Perchè c’è una storia. Ci sono cause che vengono da lontano, e altre che interagiscono sulla contingenza immediata.”

19 ottobre 2011
“non ha senso limitarsi a reagire al sintomo senza affrontare la causa, così come non ha senso che decolli l’isteria, dopo che ovunque nel mondo s’è visto di peggio e molte reazioni scomposte in altri paesi sono state salutate con entusiasmo o ammirazione da molti di quelli che oggi s’infuriano perché è successo da noi. Non è stato bello per molti motivi, ma è stato un formidabile stress-test, un evento particolare che ci può dire molto sullo stato delle cose in questo paese, meriterebbe analisi più meditate e prese di posizione più articolate del “se provano a rifarlo li meniamo noi”, pronunciato in fretta da chi si è sentito sfidato in piazza.”

15 novembre 2011
“La Repubblica” ha messo a disposizione di zelanti cittadini il proprio sito, a che si possano rintracciare e punire i “teppisti” del 15 ottobre. Fin qui nulla di nuovo.”

17 novembre 2011
“Hanno trovato il capro espiatorio: il più debole paga per tutti.
Sarà contenta la redazione di Repubblica e tutti coloro che invocavano la polizia o impacchettavano fanciulli.”

11 dicembre 2012
“Pesanti, pesantissime le conseguenze legali per molti giovanissimi dimostranti, che dati in pasto alla stampa (soprattutto grazie al meticoloso lavoro infame di La Repubblica) si sono visti sbranare dai tribunali, con richieste di carcerazioni pesantissime, molte immediatamente effettive.”

Annunci

Read Full Post »

chiomonte chiusura permanente“SI AVVISANO TUTTI GLI UTENTI CHE: IL SITO ARCHEOLOGICO UTILIZZATO DAGLI APPASSIONATI DI QUESTA PRATICA SPORTIVA E’ MOMENTANEAMENTE CHIUSO E INACCESSIBILE!
CI SCUSIAMO PER IL DISAGIO.”

“Si sono piazzati lì, senza neppure chiedere il permesso. E intanto tutta l’area della Maddalena sta subendo una devastazione vergognosa.”

“anche con lo sport si prosegue l’assedio e la pressione alle reti”

“A Chiomonte si scala, anzi. Bisogna tornare a scalare per riprendersi i propri spazi.”

Col caldo africano alle porte, sono in pochi a partir dal mare per dirigersi in bassa val di Susa. Ma la valle sa riservar sorprese non da poco, e noi a scoprirle andiamo. Le strade son deserte, perciò si viaggia lenti e bene, e la barriera di Avigliana questa volta la saltiamo, più per via delle guardie che per risparmiar denaro: così risparmiamo almeno del nervoso, ch’esser trattati da delinquenti dai segugi dell’antiterrorismo non è divertente.
Serpeggiando per le statali raggiungiamo Giaglione, Dzalhoun o Jalyon a scelta fra il francoprovenzale o l’arpitano: dalla radice arp – dal preindoeuropeo kar-pe = «sotto le rocce» – e tan = «abitante». E qui son strette di mani e pacche sulle spalle, e birra artigianale od acqua fresca di montagna, e polvere e sudore nonostante la breve camminata. Il percorso è il medesimo della passeggiata notturna; ma stavolta alle reti del cantiere, che nel frattempo si è parecchio esteso, neppure ci fanno arrivare. Chi non ne approfitta per un bagno refrigerante e strafottente nelle pozze avanzate ai jersey prosegue per bei sentieri, costeggiando però qua e là file di omini neri pesantemente bardati e a scudo in mano, che manco puoi ritirarti un attimo tranquillo per pisciare. Noi banda di rozzi climbers preferiamo per un tratto risalire, a mo’ di scorciatoia, una ripida scarpata; scopro così riemergendo dal dirupo la famosa area boulder di Chiomonte, sito valutato “sicuramente il più vario del Piemonte per bellezza e difficoltà dei passaggi”: un luogo magico e ancestrale, nascosto nel bosco in una zona di interesse archeologico che i lavori han depredato o quantomeno occluso. Appena pochi mesi fa qualche appassionato ricordava per l’appunto che “è ancora possibile raggiungere l’area boulder di Chiomonte passando da Giaglione”, magari cercando di strusciar furtivi fra i massi, anche se immagino difficile celarsi dietro agli alberi armati di crash pad.
Forse che gl’invasori non debbano aver nulla da temere dall’avanzar degli arrampicatori?
In tempi lontanissimi, quando ancora mi crogiolavo nella mia bolla spazio-temporale verticale, già ebbi da discutere su questo argomento, nell’occasione di un raduno coraggioso che, mescolando assieme politica e arrampicata, nonostante la facile ironia dello slogan (“Meglio l’alta difficoltà…che l’alta velocità!”), rischiava di risultare ostico per molti e perfino fastidioso per alcuni.
Ma l’innegabile stato delle cose attuale è che “In Valle Susa sinora sono stati abbattuti oltre 5000 alberi, molti secolari”, in uno scempio di cui chiunque potrebbe ed anzi dovrebbe personalmente prendere visione; come ha fatto Cremaschi, finendo per collegamenti col descrivere quell’area chiusa al mondo come una nuova zona rossa, “un altro di quei buchi neri che da Genova in poi ingoiano la nostra democrazia”. Non sono paroloni: è evidente anche ai foresti che questa parte di valle sia stata trasformata nel presunto interesse generale “da verde giardino in un cratere lunare”; e i lavori vanno avanti. Ma noi pure, ed un saggio procedere implica il tornar sui propri passi: così, l’evento coi (pardon, sui) sassi è stato ripetuto un anno fa. Sulla pietra son rimaste ben poche tracce di magnesite, in compenso è nata qualche scritta incazzata od ingiuriosa: poca roba rispetto al danno causato dai rappresentanti dello Stato all’area archeologica della Maddalena, “dove ai tempi della Libera Repubblica No Tav si entrava con le pattine e stando attenti a non rovinare l’erba”, e che ora, post-occupazione, “è diventata un parcheggio per camionette e cingolati: nemmeno i cinghiali si comportano così”, commenta commosso chi si ritrovi a muovercisi attorno, con la curiosa e diffusa sensazione però che in gabbia in verità ci siano loro.
Buffo, oltre che inquietante, è il dover sottolineare come anche in questo caso sia tornato utile il fantastico capro espiatorio del black bloc pur di coprire certe nefandezze. Chi volesse saper qualcosa in più del “più importante sito archeologico e museale del Piemonte” (nonchè “tra i tre più importanti siti neolitici dell’Europa occidentale”, definito dai giornali addirittura come “la Pompei del Nord”), troverà a questo e a quest’altro link interessanti informazioni frammiste a note colme d’amarezza, oltre ad una ricostruzione da sbellicarsi dell’inganno che le istituzioni tentano di piazzare pur d’inventarsi la solita montatura dei cattivi che avrebbero “tirato le pietre della necropoli”, laddove “l’area archeologica non solo è recintata, e quindi inaccessibile, ma è il punto in cui le forze dell’ordine hanno organizzato il loro fortino. Inoltre, è impossibile che un uomo riesca a tirare massi di simili dimensioni”. Seppur con l’uso del condizionale, non è difficile dedurre che “I danni sarebbero quindi stati compiuti proprio dalle forze dell’ordine”. Si attendono smentite più credibili rispetto a quella dell’assessore regionale alla Cultura del PdL, il quale dopo un sopralluogo fra intimi ha dichiarato che la necropoli sta benone, che al massimo i danni li hanno fatti i NoTav, e che anzi essa “è stata ulteriormente protetta (…) nell’attesa che si possa procedere alla valorizzazione e alla promozione turistica del parco (…) grazie al progetto finanziato da Arcus-Mibac per 800 mila euro”. Del destino appunto di tale “pioggia di denaro pubblico”, concesso già nel 2010 al comune di Chiomonte per il rilancio del sito, chiese conto due anni fa qualche rompicoglioni d’archeologo; costretto ora, parrebbe, all’attesa paziente della conclusione dei lavori.
Con lo stesso metodo, i soliti democristiani riciclati mai esausti han provato ad addebitare ai manifestanti violenti il problema del turismo, “l’industria più importante dell’Alta Valle”, che secondo un ex sottosegretario del governo Berlusconi starebbe “perdendo il 30% a causa dell’incertezza per chi vuole raggiungere Bardonecchia e gli altri Comuni della Valle”: ci vuol del coraggio a rilasciare fantasie di questo tipo in merito a gente che ha saputo aprire case e baite per dimostrare l’“Ospitalità NoTav”. Ma la massa perloppiù suppone di saper ascoltare e blatera senza sapere, e così crede pure alle invenzioni: bisogna invece andarci in valle, magari un week end lungo, ad arrampicare, camminare, sentire, vivere, vedere cosa intendano per ‘crescita sostenibile’. Almeno al fine di accorgersi che “L’area intorno al cantiere, dove si trovano alcuni dei ripari sotto roccia più belli, è ancora accessibile sebbene più difficilmente e arrivando da Giaglione. Ma il rischio di essere fermati da qualche militare o poliziotto è costante. Lungo le sponde del torrente Clarea le ruspe scavando hanno divelto alberi secolari e tutto l’ambiente circostante è stato massacrato dal cemento”.

E nel frattempo che cammino turbato fra i vitigni e grappoli di sbirri guardo in su, cercando quasi involontariamente d’individuare la falesia dove poi ci recheremo il giorno dopo. Prima però c’è la cena con gli amici, tanto buona da essere a rischio perquisizione: armi non ne han trovate, speriamo solo che non si siano confiscati i funghi.

Il giorno seguente oltre che dalla calura è afflitto dall’afa, ma nuvole nere sparse minacciose ci convincono a non spostarci nè ad alzarci troppo. Non contenti della visita turistica di ieri, dal campeggio di Venaus saliamo alla frazione Santa Chiara per vedere che anche laggiù sotto le rocce c’è il cantiere.
Siamo infatti di nuovo a un passo dalla Val Clarea, curiosamente placidi ed assieme spiritati. Un cartello a bordo strada nel silenzio di boschi e prati spiega la parete della Gran Rotsa, la storia del canale di Maria Bona“un’opera di archeologia eroica” d’epoca medievale – e le suggestive leggende del precipizio che rende il climber equilibrista anche dopo la discesa.
La struttura, soleggiata ma versatile, ci permette di scalare fra le nubi: una brezza gentile tiene al fresco noi e lontane loro. Esposta e (pure troppo) panoramica, essa propone vie lunghe, tecniche ed eleganti su una roccia dura come il granito, ma con le forme sinuose e morbide del calcare. Alla base ha l’armonioso scorrer d’acqua dello storico acquedotto, il quale costringe ad inventarsi curiosi stratagemmi per partir su certe vie, oltre a garantir la corda bagnata dopo ogni salita. Ma queste piccole difficoltà sono un gioco nel gioco che ci rende affascinante il sito e indimenticabile la giornata. A preoccupare è semmai il pensiero delle piccole grandi opere che s’aggiungono a quella enormemente assurda: come le vasche antincendio delle gallerie SITAF dell’autostrada del Frejus, il cui peso non è minimo dal momento che sinora ha generato problemi di approvvigionamento idrico a Giaglione oltre al rischio assurdo, beffardo d’inquinamento del canale. Nel mio piccolo, faccio umilmente notare alla società della Torino-Bardonecchia che sui suoi cartelli autostradali sono tuttora indicati il museo e l’area archeologica di Chiomonte: si fan beffe del turista loro prima di chiunque altro. E noi, per quanto possiamo, i signori dell’autostrada cerchiam di non pagarli. Se il girovagar per la Valsusa ha comunque poco di ecologico, maggiore è il danno causato da chi dimentica l’esistenza di pezzi di valle sotto attacco alla faccia d’una degna pretesa, quel “buon diritto al suolo” che rivendica per tutti Erri De Luca nello sforzo di diffonder la consapevolezza che “l’avvenire sta nelle mani di chi protegge la propria terra”, a costo di doversele sporcare; anche se una volta, con giudizio sprezzante, lo si sarebbe liquidato fin troppo facilmente con l’acronimo NIMBY.
Che sia dunque un conservatore da cortile l’alpinista che vorrebbe “riportare interesse per un luogo affascinante e perso di vista dal mondo dell’alpinismo moderno, ridestare interesse per un territorio ricco di falesie e vie ferrate nel fondovalle colmo di fascino storico e con possibilità di rivisitazioni alpinistiche in quota”? Tutt’altro: “Non è un ricordo nostalgico del passato ma un indirizzo chiaro per il futuro”. Da dove iniziare? Si potrebbero seguir le indicazioni del ministro: “Iniziamo a scalare la montagna”. Buona idea. Ma il signor Lupi che ne sa di dove sta il Rocciamelone? Dietro l’inciucio fra i partiti nemiciamici c’è il tornaconto comune loro, mica il nostro; e oltre agli slogan e alle frasi fatte c’è solamente l’appiglio culturale fortunoso d’un Jovanotti segnalato dalla figlia e penosamente strumentalizzato per giustificare la solita goffa retorica del fare.
A volte mi chiedo dove sia sparito il popolo della montagna, quella vera, e se ne esista uno. Un popolo minoritario, ma consapevole per esperienza radiosamente eversiva, come un’alba rivelatrice, che essa “ha sempre qualcosa da insegnarci”; un popolo in grado di vedere nelle mani di lorsignori sulla montagna una vera e propria “guerra al territorio”, di cui la Tav è solo un esempio simbolico; un popolo che in tempi di tristi svendite al mercato, tragiche spettacolarizzazioni, strumentalizzazioni politiche e svilimenti identitari, invece di adeguarsi allo stato marcio delle cose, sapesse recuperare l’ambiente ed il senso della propria passione.
A chi suona eccessivo il paragone partigiano oggi un poco abusato spero piacerà, in alternativa, il ruolo volontario di moderni custodi d’un bene materiale e culturale nostro e assieme collettivo. Se è vero che “I contadini di queste valli, anche senza aver mai raggiunto alcuna vetta”, furono “portatori dei medesimi valori, basati sul rispetto della natura e sulla imprescindibile simbiosi tra essa e l’uomo che vi vive, che da sempre hanno permeato gli alpinisti” (dalla Introduzione ad Alpinismo per gioco, 1987), allora è a noi che andiamo su queste falesie e per questi sentieri che spettano la difesa indomita, la conoscenza ed il rispetto del territorio; ad altri l’appropriazione arrogante, violenta e indebita.

Read Full Post »

“La Grecia brucia, il Belgio s’allaga…solo in Italia non succede un cazzo.”

“la situazione è degenerata quando sono entrati in azione i black bloc, peraltro applauditi dai manifestanti”

“In piazza bombe, molotov, spranghe di ferro e gente che applaude i black block.”

“«Maledetti porci, servi» urla una signora coprendosi il viso per proteggersi dai lacrimogeni.”

“Dovete morire. Punto.”

“E’stata soltanto una fiammata, ma ha acceso più di un’inquietudine. Mercoledì sera durante l’attacco alle trivelle impegnate nei sondaggi nell’autoporto di Susa con i sassi e i petardi per la prima volta è stata lanciata una molotov.”

Sento puzza di bruciato. La Grecia è dietro l’angolo, ed io sugli angoli ho una teoria. Questa teoria dice, in pratica, che ogni angolo che girerai nel bene o nel male ti stupirà; ma che sarà sempre e comunque valsa la pena farlo. Il fatto è che qui non s’è deciso noialtri di girarlo.
Immagino dunque lo stupore quando dalle più scaltre, genuine, ardimentose propaggini del corteo s’alzerà in aria la prima molotov, e pochi ed incerti nella confusione saranno gli occhi che la vedranno. Sicuri, determinati, folli d’ardore quelli del lanciator scortese. Muti e cupi quelli delle parti per questa volta offese, di coloro i quali la riceveranno in caduta libera ad annunciazione d’un Inferno metropolitano che è poi quasi tutti i giorni, ma lo scopri solo quando senti il potere finalmente tuo per qualche istante, il sangue andare al manganello, la rabbia a forma di sasso stretta in mano. I fotografi con caschetto e maschera meglio piazzati inghiottiranno d’un colpo la saliva: sono attimi che valgono una vita intera, talvolta la rubano perfino, la strappano via. Click!, e lo hai preso. Devono avere insegnato lo stesso al milite ignoto che sparò a Carlo.
Ma, anche se li chiamano “professionisti della protesta”, quest’insana passione per i rivoltosi non è certo un lavoro ben retribuito: è piuttosto, per alcuni di essi, una scintilla rapida poco più del click!, una furia non sicuramente dovuta alla spiaggia e al mare mancati, semmai al fumo ed all’odio respirati; per altri, una somma di fotografie che forma un album di memorie poco dolci, che fanno male, ma un male che mentre cresce fa crescere e non va perduto se qualcuno lo tiene a mente, se qualcuno lo tiene a pelle (per citar Erri De Luca da Non ora, non qui).
Il puzzo si fa ora soffocante. Fumogeni prima e lacrimogeni dopo tolgono il respiro. Le cronache di domani toglieranno pure la voglia di esprimere e di portare conflitto ancora. Guardandomi attorno vedo scuro e non so cosa aspettarmi, dietro a quale angolo cercar nascosto il lieto fine. Abbiamo sprecato troppa pazienza, gettato al vento troppe parole senza neppure capire in quale maledetta direzione esso spirasse. Di una cosa sola, in questo periodo, un fine settimana dopo l’altro, incautamente vado sicuro: se il sabato fosse anche moscio, la domenica sarà a muso duro.

Read Full Post »